Accompagnamento verso i servizi psichiatrici

Il primo contatto tra l’associazione e la persona che chiede informazioni avviene telefonicamente, nella maggior parte dei casi non espone il problema come se fosse proprio, ma lo illustra come fosse di altra persona.
L’operatore presente in associazione, cercando di non creare un dialogo inquisitorio, rassicura la persona da cui è stato contattato rendendosi disponibile per ulteriori informazioni più strutturate.
Successivamente alla telefonata, la persona potrà recarsi in associazione dove le verranno fornite privatamente le modalità di accesso al primo servizio psichiatrico (Centro Psico Sociale- C.P.S.).
L’operatore cerca di illustrare in modo delicato ma professionale le conseguenze di un intervento differito nel tempo dopo il primo contatto con il sevizio C.P.S.

Il C.P.S. dopo un colloquio ed esami sanitari di approfondimento, stabilirà la terapia idonea rispetto alla specifica diagnosi ed il successivo iter clinico per intervenire tempestivamente per evitare l’aggravamento dei sintomi.

 

Precedente La Neuropsichiatria dell'infanzia e adolescenza a Cremona ed in Lombardia Successivo Prevenzione - Informazione